Dopo due anni di utilizzo il 10% del peso di un cuscino è fatto di acari e dei loro scarti!



Gli acari della polvere ed i germi che vivono nelle lenzuola possono provocare asma, febbre da fieno, influenza, varie allergie ed intossicazione alimentare.

  • Nei letti si annidano mediamente circa 10 milioni di acari della polvere! Questi microorganismi amano gli ambienti caldi e umidi!
  • Gli acari, anche se sgradevoli, sono innocui, sono le loro feci ad essere causa di asma, allergie e addirittura febbre da fieno.
  • Germi quali salmonella e norovirus possono proliferare nelle lenzuola, anche dopo un bel lavaggio in lavatrice. . ..
Per eliminare i germi passa quotidianamente l’aspirapolvere nella camera, apri le finestre e lava sempre le lenzuola ad alte temperature!
Dopo una lunga giornata di lavoro non c’è niente di più rilassante che buttarsi sul letto. . ..
ma in agguato, sotto le lenzuola, vivono milioni di piccoli organismi che possono farci ammalare, avvertono gli esperti.
Materassi, piumoni e cuscini diventano serbatoi di cellule e di ricambio cutaneo, che incoraggiano la proliferazione degli acari della polvere. La presenza di questi microorganismi può aumentare i rischi di contrarre raffreddore e allergie.
E le cattive notizie non sono finite.
La biancheria del letto può anche ospitare microorganismi portatori di fastidiose malattie che vanno dall’influenza all’intossicazione alimentare.
Il Dr. Lisa Ackerley, esperta di igiene domestica, sostiene che si potrebbe essere inconsapevolmente affetti da “sindrome del letto malato”!!
Inoltre sostiene che : “L’uomo perde mezza oncia di pelle a settimana e molta di questa è nel letto. Gli acari della polvere amano l’ambiente caldo e umido, proprio l’ambiente del letto. . . e vi si riproducono, diventando circa 10 milioni.”
“Spesso le persone escono nel corso della giornata e chiudono le finestre, facendo sì che l’umidità resti intrappolata in casa.
Le case oggi sono più isolate, non ci sono correnti d’aria ed è facile che si venga a creare un accumulo di umidità.”
“Se fai il letto subito dopo esserti alzato, senza  arieggiare adeguatamente la camera, intrappoli nelle coperte l’umidità, e gli acari della polvere se la spassano”.
“In due anni il 10% del peso di un cuscino sarà fatto di acari e dei loro scarti”, ha aggiunto.
Gli acari della polvere sono relativamente innocui, ma le feci ed i frammenti del corpo depositati possono scatenare reazioni allergiche, spingendo l’organismo a rilasciare istamine per attaccare l’allergene.
Questo può causare febbre da fieno ed eczema, e le stime suggeriscono che gli acari della polvere possono essere causa di asma addirittura nell’80% dei casi.

Salus S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento